Robert Sarah, il porporato guineano che non ha paura della Verità



Robert Sarah has become the target of journalists who do not allow thoughts other than their own. Here is the cardinal’s interview with Paris Match.





Nella giornata di mercoledì 06 luglio 2022 molti giornalisti francesi, fra cui anche alcuni vaticanisti, hanno parlato della nuova copertina del settimanale Paris Match che ha compiuto la gravissima e imperdonabile scelta di mettere in prima pagina, nientepopodimeno, che Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Robert Sarah. 

Questo è il metodo utilizzato da coloro che parlano di “sinodalità”, “chiesa in uscita”, “misericordia”, “dialogo”, ecc… Perchè tanto astio contro Robert Sarah? Perchè si tratta del cardinale più vicino a Benedetto XVI e che non è mai sceso a compromessi. Un uomo di preghiera, senza altri interessi. Il porporato si è sempre espresso chiaramente su tematiche fondamentali della fede cattolica ma ad alcuni giornalisti, che abbiamo anche accreditato in sala stampa, questo evidentemente non piace. Chissà perchè il cattolicesimo è sempre l’unica religione che deve annacquare il proprio messaggio per ricevere consensi. Le persone che hanno una fede chiara vengono prese di mira da una stampa che non sa neppure di quello che parla. Lo diceva chiaramente già il Cardinale Joseph Ratzinger alla vigilia della sua elezione.


La demonizzazione di “chi non è con noi”

La levata di scudi contro questa intervista è impressionante. I giornalisti si sono visti venire meno la terra sotto i piedi. Sono anni che stanno descrivendo Sarah come il grande oppositore di Francesco, la persona rigida. Lo hanno demonizzato. E ora? Un settimanale francese si permette di raccontare la sua vita reale? No! Non è possibile. E quindi si è dato il via ad articoli fango come quello firmato da Véronique Groussard che addirittura arriva a mettere in correlazione le voci delle dimissioni del Papa o di una sua presunta malattia con questa intervista a Sarah. Forse non è chiaro a questi giornalisti che le voci sulle dimissioni del Papa le hanno diffuse loro e non certo la Curia Romana come afferma Maria Antonietta Calabrò, che, come abbiamo visto qui, ha un pò di difficoltà con le date figuriamoci il resto.

Migliaia e migliaia di articoli clickbait che dimostrano una completa ignoranza in merito a Francesco. Se c’è una certezza che abbiamo è proprio quella che questo Papa non ha mai pensato neppure lontanamente a dimettersi, anzi!

Poi il grave peccato del cardinale guineano: ha partacipato alla conferenza sulla sacra liturgia nel seminario arcivescovile di St Patrick. Giornalisti impazziti che twettavano nei giorni scorsi la notizia scandalosa. Sostanzialmente chi vuole celebrare la Santa Messa in rito antico è diventato il nuovo Lutero del 2022. E questo sarebbe dialogo? La Chiesa gode di moltissimi riti, quello di San Pio V ora è il demonio? Ci rendiamo conto di come stiamo diventando ridicoli? La completa follia e il trionfo di ideologie senza senso. Lasciate che ognuno preghi il suo Dio come ritiene!

Questa intervista infastidisce perchè spiega che in realtà quest’uomo ha sofferto, è vicino alla gente e quando parla di persecuzione sa di cosa parla perchè l’ha vissuta sulla sua pelle. Ma non vi ricorda qualcosa? Lo hanno fatto e lo fanno anche con Benedetto XVI. Guai a parlarne bene. Gli unici articoli di stampa benevoli furono quando si dimise. E questo la dice lunga.

Due pesi e due misure 

È chiaro come nella narrazione fatta da alcuni giornalisti vi siano due pesi e due misure. Anche di fronte ai peggiori crimini, coloro che dicono di “fare luce” e di “fare verità”, in realtà sono guidati solo da interessi personali. A gennaio 2022 il quotidiano Domani riferiva che c’erano gravi ombre sull’operato di Benedetto XVI in Germania. Ratzinger ha chiarito esaustivamente che lui non era a conoscenza che il sacerdote accolto nella sua arcidiocesi fosse accusato di determinati delitti. No! Benedetto XVI ha mentito! Insulti e calunnie, senza aver alcuna prova. Articoli scritti da soggetti che sostenevano che la prescrizione per gli abusi nel processo canonico è stata aumentata a 20 anni da Papa Francesco. Questo vi deve far capire la preparazione di questi personaggi. Ne abbiamo parlato qui.

Qualche giorno fa, lo stesso quotidiano, raccontando la storia del Rev.do don Giuseppe Rugolo ha scritto che S.E.R. Mons. GianCarlo Perego ha accolto il Rugolo a Ferrara ma ha riferito: “Ero stato informato dal vescovo Gisana di un procedimento a carico di don Giuseppe per un episodio precedente la sua ordinazione, ma mi mostrò che tale vicenda era già stata valutata dalla Congregazione della Dottrina della Fede, e che non costituiva assolutamente una limitazione alla sua presenza da noi”

Nessuna accusa nei confronti del vescovo, nessun tono inquisitorio da parte di questi giornalisti che riferiscono di fare “inchieste finanziate dai lettori”. Ma come, qui addirittura Perego sapeva e non lo insultiamo come abbiamo fatto con Ratzinger? Eh no, Perego mica è scomodo come Ratzinger. Questa è la ricerca della Verità. Questa è la trasparenza. La libertà di questi giornalist.

Senza dimenticare la nota sessista della giornalista che definisce Rugolo (innocente sino a sentenza definitiva e non condannato in alcun grado di giudizio) una PRIMA DONNA. Sì, avete capito bene. Il fatto che sia una donna a fare un’affermazione del genere è ancor più grave. Scrive: “egocentrico e permaloso, distribuisce favori e punizioni a seconda dell’umore”, questa sarebbe una prima donna? Non ci sono uomini con queste caratteristiche? Pura follia!

Emarginare chi dice la Verità

L’attacco a Sarah però è emblematico e rivela chi sono veramente queste persone che scrivono guidati da ideologie o interessi personali/economici. Sono gli stessi giornalisti che si aggirano attorno a Borgo Pio come avvoltoi in cerca di scoop e che hanno tutti gli interessi possibili tranne quello di raccontare la verità. Lo si è visto anche quando era il momento di difendere la giornalista Franca Giansoldati dopo l’attacco ricevuto da Alessandro Diddì. “Guai a ledere Sua Maestà” ha sussurato qualche giornalista straniero. Tutti in silenzio perchè sennò l’accreditamento parte.

Il medesimo atteggiamento che utilizzano con Sarah, da emarginare perchè non allineato al loro modo di pensare, lo utilizzano con tutte quelle testate, blog o personaggi che non raccontano la solita e ampollosa favola che si vuol continuare a proporre da 10 anni. Certo, dire che non è poi tutto così perfetto come si è voluto far credere, sarebbe umiliante. Ma come si può sostenere la sinodalità e il dialogo se poi non si ascoltano coloro che hanno sensibilità diverse o pareri differenti? Acta non verba! Gli stessi giornalisti che attaccano ferocemente Paris Match sono quelli che passano le loro giornate attorno alla Sala Stampa vaticana a criticare Silere non possum. Rigorosamente connessi al nostro sito, pronti a copiare e incollare i nostri tweet, si divertono a “chiacchierare”, come direbbe Francesco, in merito al nostro operato. Eppure questi soggetti dimostrano che questi anni non gli sono serviti a nulla. Questo Stato è un “paesotto” e tutto torna alle nostre orecchie. Oltre al fatto che risulta chiara l’invidia che muove certe considerazioni. Avvoltoi, null’altro. Eppure nessuno è eterno e quando sarà il momento ci sarà da ricordarsi di questi soggetti e del loro operato. 

SOSTIENI SILERE NON POSSUM

La scandalosa intervista di Paris Match

Vi lasciamo ora alla piacevole lettura dell’intervista che Philippe Labro ha fatto a Sua Eminenza. Un dialogo con un cardinale che ha vissuto una vita carica di eventi straordinari e che gli hanno permesso di essere ciò che è oggi: un fedele servitore della Chiesa.

Sarah racconta il razzismo, le difficoltà di un popolo che ha subito un dittatore come Ahmed Sékou Touré, i suoi studi a Gerusalemme. Il cardinale rivela di essere stato anche inserito in una lista di Touré che lo voleva morto. Poi il pensiero ai tre pontefici con cui ha collaborato, in particolare San Giovanni Paolo II che lo definì il “vescovo bambino”.

S.I.

Silere non possum


La vita del Cardinale Robert Sarah inizia a Ourouss, un villaggio di meno di 1.000 abitanti, in Congo, vicino al confine con il Senegal. Siamo nel mezzo della savana e la vita lì è proprio come in passato, o quasi: gli animali selvatici – leoni, antilopi… – si aggirano in una natura rigogliosa. Di notte, davanti all’ingresso della capanna, è meglio mettere delle mazze di legno per impedire ai serpenti di entrare. “Vivevo tra baobab, palme e magnolie. Mio padre lavorava la terra. L’ho aiutato. Abbiamo fatto il riso e mangiato il fonio, che era molto buono. Con i miei amici giocavamo a calcio nell’erba, ero un buon attaccante, facevo spesso gol. Ho mantenuto un interesse per questo sport. Seguo le partite, soprattutto quelle del Real Madrid e del Barça. La sera i vecchi ci raccontavano delle storie, con una morale alla fine. Quando ci torno – ogni Natale, anche se i miei genitori, Alexandre e Claire, sono scomparsi, devo andarci – ritrovo tutto, i fiori, i colori, gli odori, alcuni amici che sono invecchiati come me e che informo su come va il mondo, sui cambiamenti del mondo, e raccomando loro di non abbandonare il loro tesoro, i valori trasmessi dagli anziani, la loro identità, la loro cultura. La nostra capanna aveva un pavimento di terra, nessun mobile, ma una pace tranquilla. Nel centro del villaggio, la casa dei Padri Spiritani, missionari francesi. Andavo a messa ogni mattina.

Altezza e peso medi, capelli grigi, occhi chiari dietro gli occhiali cerchiati, sorriso facile, voce ovattata che non si alza, rimane sempre nello stesso registro, nello stesso timbro particolare, bisogna sporgersi verso di lui per sentirlo raccontare il percorso che lo ha portato da quella capanna alla grandezza di questo stabilimento. Nella sua scuola elementare, fondata da missionari francesi, ha desiderato da subito seguire la strada della vita religiosa.

“Un sacerdote, vedendomi così fervente, mi chiese se volevo andare in seminario. “Sì”. “Allora parla con i tuoi genitori”. “Stai sognando”, mi hanno detto, “non è per i neri”. Ho insistito. Hanno consultato il Padre Spirituale e hanno accettato. Sono partito per il seminario di Bingerville, vicino ad Abidjan. Quattro giorni di navigazione sulla “Mermoz”, nella stiva. Eravamo in dodici. Vomitavamo in continuazione. Avevo imparato quanto fosse difficile vivere nel villaggio. La lotta per la sopravvivenza.

Seduto su una poltrona di stoffa verde nel soggiorno di un appartamento di 250 metri quadrati, modestamente arredato, che condivide con quattro suore guineane incaricate di assisterlo nelle sue funzioni (mi dicono che ce ne sono di molto più sontuosi per altri prelati), situato nei pressi della Basilica di San Pietro, con un anello cardinalizio d’oro al dito (donato da Benedetto XVI), una croce pettorale d’argento con pietre blu, offerta da amici romani, sulla tonaca, Robert Sarah riassume il corso della sua vita. I suoi studi a Nancy. Il suo andirivieni a Roma, a Gerusalemme, fino al giorno decisivo dell’incontro con Giovanni Paolo II.

In Guinea ha svolto la sua missione di parroco in villaggi remoti dove non si vedeva un sacerdote da molto tempo. La Guinea era sotto la dittatura di un tiranno, Sékou Touré. La Chiesa sembra essere distrutta là. Il vescovo, monsignor Tchidimbo, è stato messo in prigione in una cella di 2 metri quadrati. Il Vaticano sta cercando un successore. Molti vescovi sono stati contattati e hanno rifiutato l’offerta. Robert Sarah sarà l’unico ad accettare. Giovanni Paolo II lo invita a Roma nel 1979 e decide di nominarlo vescovo. A 34 anni sarà il più giovane vescovo africano. Il polacco ha ricevuto il guineano in Vaticano: “Lei è un bambino”, gli ha detto. “Vescovo bambino”. Scoppiò a ridere.

L’incontro doveva durare cinque minuti. Hanno pranzato e trascorso più di due ore insieme.


“Giovanni Paolo II era un uomo straordinario. Attento agli altri. In ascolto. Aveva vissuto gli eventi più difficili in Polonia. “Non abbiate paura“, ha detto, e la frase ha fatto il giro del mondo.

– Aveva paura anche Lei?

– No, nei momenti peggiori a Conakry non ho mai avuto paura.

A Conakry, tuttavia, il giovane vescovo appena nominato si scontra con molti ostacoli, posti da un regime oppressivo. Non ha beneficiato di alcun vantaggio. Gli è stata tolta la residenza. Era permanentemente disturbato. Ma continua il suo sacerdozio e gradualmente raccoglie un numero sufficiente di seguaci per farcela, per diventare un rifugio, una salvezza. Parla. Una delle sue formule non sarà mai perdonata dal regime: “Il potere logora chi non ha la saggezza di condividerlo”.

Viaggia per il Paese per mantenere la pratica religiosa. È un compito arduo, persino pericoloso. Sotto il regime di Sékou Touré, tutte le libertà sono state confiscate, le esecuzioni si sono susseguite e le confessioni sotto tortura sono state rese pubbliche. Il più giovane vescovo dell’Africa si oppose alle persecuzioni. “Non avevo nulla da perdere. Mi sono detto: “Hai già vissuto una parte della tua vita”. Alcune persone muoiono a 20 anni o alla nascita. Quindi, questa nuova metà della vostra vita, datela. Ho amato moltissimo questo Paese che, prima di Sékou Touré, era ricco. Mi sono espresso a mio rischio e pericolo. Solo quando Sékou Touré è morto [nel marzo 1984] ho saputo che il mio nome era stato inserito in una lista.

– Che tipo di lista?

– Fu un ambasciatore tedesco a informarmi: “Sei stato fortunato”, mi disse. Eri sulla lista, la lista che non perdona. Si può riassumere in tre formule: si viene arrestati, si viene rinchiusi, si viene soppressi.

È stato infatti accertato che, una settimana prima della sua morte, Sékou Touré aveva effettivamente firmato l’atto di avvelenamento del giovane vescovo. Il vescovo Sarah ha lasciato la sua città nel 2001, con 100.000 persone che lo hanno seguito in processione fino all’aeroporto. Questo è uno dei paradossi che caratterizzano questo cardinale: in Guinea incarna la libertà, è dalla parte del popolo. In Europa è considerato un rigido conservatore, contrario alle trasformazioni della modernità e della morale. Il suo rifiuto dei molti progressi che hanno cambiato la società odierna farà di Robert Sarah, col tempo, un “cristiano che attende il ritorno del senso del sacro”. Ha dichiarato al giornalista del “Point“, Jérôme Cordelier: “Dobbiamo riscoprire questa luce che ci guida, quella del Vangelo”. 

La recente tragedia di decine di giovani, per lo più provenienti dall’Africa sub-sahariana, morti mentre si facevano strada tra il Marocco e l’enclave spagnola di Melilla (venerdì 24 giugno) lo ha sconvolto. In un assalto organizzato dalle mafie che trafficano in esseri umani, armati di pietre, bastoni, uncini e coltelli, sono morti, dopo essere stati gasati e randellati dalle guardie di frontiera marocchine alle loro calcagna, calpestati o caduti da una recinzione alta più di 6 metri che li separava dal sogno forse illusorio di una vita migliore in Europa.

SOSTIENI SILERE NON POSSUM

Il cardinale è indignato: “Quanti morti, in condizioni atroci, dovremo sopportare per mettere veramente in atto una politica migratoria? Molti dei migranti che passano dalla Libia per raggiungere l’Europa e muoiono nel Mediterraneo provengono dal mio Paese, la Guinea. Conosco personalmente, avendoli battezzati e sposati, i genitori di alcuni di coloro che sono morti in mare. Sono sconvolto da queste barbare tragedie. Si tratta di uomini onesti e disperati che vengono spinti alla morte. L’Europa e l’Occidente devono aiutare l’Africa a mantenere i suoi figli che saranno il suo futuro e la garanzia della sua crescita”. 

Egli estende questa visione nei libri e nella stampa francese. I vaticanisti (termine che indica i giornalisti o gli intellettuali che osservano il misterioso e complicato intreccio di tendenze e convinzioni che percorre i corridoi del Vaticano, qualunque sia il papato) dicono di lui: “Ha conosciuto tre papi, ognuno molto diverso dall’altro. Da ognuno di essi ha tratto insegnamenti”. 

Oggi, prefetto emerito dopo aver diretto molte Congregazioni, dopo essere stato, al tempo di Benedetto XVI e poi di Francesco, uno dei cardinali più importanti della Chiesa, Robert Sarah probabilmente non vuole essere “papabile“, ma possiede ancora, nonostante la sua ostentata umiltà, un’enorme influenza: quella di un “papabile”.


Precisamente, a mia volta, gli chiedo: “Papabile?”

Sorride. Gli è stata posta questa domanda così tante volte, il suo nome e il suo ruolo sono stati citati così tante volte, che risponde con una sorta di distanza e di lontananza: “Non mi interessa. L’importante è trovare Dio. I tre papi con cui ho lavorato [Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e ora Francesco] hanno tutti il mio rispetto. Quello con cui sono più legato è Benedetto XVI, ma ammiro altrettanto Francesco, che sa parlare a tutti, con cui lo scambio è sempre libero e al quale è sbagliato oppormi”.

Cosa ha da dire Robert Sarah sull’attuale guerra, sulle guerre? “Se ci fosse solo l’Ucraina! Nel mio continente, c’è stata l’Angola, c’è il Congo-Kinshasa, si combatte dappertutto, continuamente, i trafficanti di armi gioiscono, la gente soffre, la pace può arrivare solo se c’è un’ambizione, un desiderio di negoziazione. Dov’è questa ambizione? Chi vuole davvero sedersi a negoziare? Vogliono almeno sedersi? Hanno dimenticato Dio, perché Dio è pace.

Dio, Dio, Dio ritorna nelle sue parole, in ogni momento, o quasi. Il bambino di Ourouss mantiene lo stesso ritmo di voce, un tono di calma, una ricerca di “lucidità” (parola spesso usata) e ci assicura che ha voluto servire Dio dall’infanzia fino ai 77 anni. Un esperto vaticanista aggiunge: “Dal 2001, quando era in Vaticano, pur essendo membro di tre Congregazioni, pur avendo assunto ruoli che lo rendevano un uomo di potere e di importanza e che aveva una “mano alta sulla liturgia cattolica” [Jérôme Cordelier in “Le Point“], il cardinale Sarah si è sempre stato proiettato verso la gente, dove c’è sofferenza. È sbagliato giudicarlo semplicemente come un abile “politico” o come un critico della modernità. Quando c’è stato il terribile terremoto sulla costa pacifica di Tohoku, al largo del Giappone, nel 2011 – 15.897 morti, 6.152 feriti, 139.000 rifugiati – ebbene, lui era lì, inviato da Benedetto XVI. È stato un viaggio pericoloso. Non sapevamo se la terra avrebbe tremato di nuovo. Uno tsunami nelle Filippine? È andato lì. Uno tsunami ad Haiti? Ha adottato lo stesso approccio e si è recato sul posto. È stato sul campo come nei corridoi del Vaticano o sugli altari delle chiese. Così come le riunioni della cerchia ristretta del Vaticano…”.

Per questo si dice che rifiuta tutti i ricevimenti e gli eventi sociali. (Preferisce guardare i DVD di “Don Camillo” (conservati nella libreria di mogano del salotto con le pareti ricoperte di icone e sculture africane) e ridere di Fernandel, bevendo un tè da solo, prima di partire per Beirut o San Francisco? (Risponde indicando con le lunghe dita la frase di San Paolo, scritta in tutto il soggiorno, nella piccola cappella e nell’ufficio: “Sufficit tibi gratia mea”, che significa “ti basta la mia grazia”.

Philippe Labro per Paris Match






Condividi questo articolo

Categorie

Ecumenismo
Citta del Vaticano
Chiesa cattolica

ARCHIVI

ULTIMI ARTICOLI

NEWSLETTER